“3 mesi di lavoro, una campagna avvincente”.

Con questa premessa vi raccontiamo il nostro lavoro, caratterizzato da scelte strategiche derivanti da un progetto pianificato e studiato nei minimi dettagli, che ha dato la giusta identità alla campagna elettorale per la campagna elettorale 2016 di Giffoni Valle Piana.
Raccontiamo un percorso, frutto di un insieme di attività e competenze di professionisti, spinti da tenacia e dalla passione di portare a termine un risultato importante, sotto la guida dello spin doctor Giovanni Sapere, un visionario, amante della creatività e della comunicazione strategica.

Allestimento.

Il comitato elettorale era ubicato poco distante da quello dell’avversario principale (Ugo Carpinelli), ed è stato allestito con materiale pubblicitario che rispetta l’immagine coordinata e raffigurante il logo della lista civica Giffoni bene comune e lo slogan.

La Campagna.

I momenti clou.
1) N.2 Eventi di presentazione del piano di governo
2) Realizzazione di dirette Facebook durante le interviste al candidato
3) Evento finale con la video-presentazione del Candidato
4) 5 Giugno, la vittoria
Prima di procedere con il racconto della campagna elettorale, è importante descrivere la situazione iniziale che regnava nel territorio ovvero insoddisfazione, rassegnazione e stanchezza per l’abbandono da parte delle istituzioni.
Il nome della lista era “Giffoni bene comune”, poche parole ma significative, il gruppo dei candidati erano capitanati dal candidato sindaco Antonio Giuliano. Per l’organizzazione del percorso elettorale sono state richieste delle figure professionali in grado di supportare in ogni suo passo il candidato: un web developer che ha sviluppato il sito web della lista, un grafico, un social manager, un addetto stampa, un videomaker, un allestitore di eventi, un copy, una segreteria, e addetti esterni a supporto, ma soprattutto uno spin doctor che coordinasse il gruppo di lavoro, Giovanni Sapere.
A capo della comunicazione con l’obiettivo di sviluppare un Roi del candidato, senza farlo apparire imbarazzato e distaccato, è stato effettuato un vero e proprio lavoro di Neuro-Marketing, con lo scopo di innestare in ogni candidato e nello staff una nuova forma mentis, abbandonando l’osservazione ossessiva dell’opposizione copiandone i passi. La disorganizzazione diffusa nel comitato elettorale non poneva le giuste basi vincenti per la campagna.
D’altronde è proprio il campo della pubblicità ad essere terreno fertile del Neuro-Marketing, e grazie a questo è nata una collaborazione armoniosa e ben sincronizzata. Per avvicinare il popolo al nuovo candidato sindaco sono state applicate più tecniche, dallo sviluppo di emozioni al coinvolgimento di una pubblicità stampata e video, all’analisi del territorio e dei punti di forza e debolezza sia dell’opposizione che del candidato.

"Per il bene di Giffoni"

Dopo aver consolidato il gruppo di lavoro e i candidati a una visione positiva che mirata al successo, hanno abbracciato il piano strategico organizzato dallo spin doctor. Ognuno di loro ha girato un video selfie per spiegare le motivazioni e gli obiettivi della propria candidatura e con un lavoro di montaggio è stato lanciato un unico spot di presentazione, inoltre sono stati realizzati mini spot rappresentando gli argomenti delle attività previste dal piano di governo.

Inserire i video selfie e mini spot da youtube.

Il piano della campagna prevedeva l’utilizzo dei media tradizionali: radio, televisioni, giornali e affissioni, proprio queste ultime sono state oggetto di discussione e curiosità. Dei manifesti della misura di 6x3 metri sono stati affissi su diversi impianti senza logo del partito e nome del candidato, ma con solo lo slogan sul fondo blu e linea gialla ad evidenziare la frase.

Ovviamente a supporto della campagna è stata realizzata un’immagine coordinata composta da volantini, manifesti, vele pubblicitarie e spot. Novità assoluta però è stata l’introduzione del digitale in più forme, dalla diretta Facebook, unico sindaco ad averla effettuata dopo il Candidato Presidente alla Regione Campania Vincenzo De Luca, alla creazione di un sito web di sostegno della lista del comitato con un servizio di messaggistica WhatsApp, che consentiva ai cittadini di partecipare attivamente alla campagna, esponendo le proprie problematiche.

Inserire una diretta.

L’introduzione dei social, ha fatto si che il candidato condividesse contenuti, idee e progetti per il futuro del territorio giffonese ed esprimesse il suo forte legame con il territorio attraverso il sui profilo personale Facebook. La spinta nell’utilizzo dei social è stata data dalla consapevolezza che l’utilizzo esclusivo dei media tradizionali come radio, giornali o televisione, avrebbe deviato gran parte dei consensi in direzione del suo avversario politico Carpinelli, che già vantava un’ampia popolarità tra i cittadini da ormai 30 anni. Lo staff del futuro sindaco è stato capace di gestire la pressione e a garantire in modo da stabilire un contatto diretto con il maggior numero possibile di cittadini giffonesi.

Conoscere il candidato.

Il candidato a sindaco, Antonio Giuliano, era Infermiere di Sala operatoria Neurochirurgica, dal 1993, presso l’Ospedale di Salerno San Giovanni di Dio e Ruggi D’Aragona. Il suo impegno politico inizia nel 2006, eletto per la prima volta Consigliere Comunale, elezioni amministrative del 28 maggio 2006, con la lista civica “Giffoni Democratica”, ottenendo 443 voti di preferenze.
Elezioni amministrative del 15 e 16 maggio 2011, con la lista civica “Democratici per Giffoni”, voti di preferenze 1105, Vice Sindaco, fino al 28 aprile 2015.
L’amore per il proprio paese lo ha spinto a candidarsi per dimostrare che si può fare di più con il giusto impegno. Abbiamo voluto mostrare ai cittadini il candidato come uomo, padre di famiglia, umile lavoratore e appassionato della propria terra, prima che come politico.

Sono stati organizzati tre importanti eventi oltre i quotidiani incontri con il popolo.

1) Incontro in sala Trauffaut
Il candidato ha presentato il piano di governo per la prima volta in pubblico e le prime 10 azioni di governo nei primi 10 mesi di incarico.

2) Incontro al Giardino degli Aranci
L’evento ha visto la presenza dell’Assessore Piero De luca e Franco Picarone, che ha visto grande partecipazione dei cittadini e predisposizione al cambiamento.

3) Ultimo incontro in p.zza Umberto I
Riepilogo del piano di governo, degli obiettivi di ogni candidato e del candidato a sindaco. Preceduto da una settimana di manifesti, vele e affissioni con un semplice frase”E’ il momento di cambiare” invitando la cittadinanza a sostenere il cambiamento sostenendo Antonio Giuliano.

Il tutto accompagnato da una video-presentazione finale che ha coinvolto emotivamente i cittadini, un video riassuntivo delle bellezze del territorio Picentino e della persona sensibile che è Antonio Giuliano. Questo del video è stato punto di forza del piano strategico e non aveva uno stampo professionale proprio per donare al candidato, un’immagine meno formale e più vicina al popolo, quella del concittadino. Un breve racconto, una presentazione di un uomo semplice in momenti di vita quotidiana, insieme alla famiglia o a passeggio per il paese, nelle attrazioni del territorio.

L'era Carpinelli lascia la poltrona.

Antonio Giuliano ha vinto con 4793 voti, il 58,85% rispetto all’avversario. Una campagna appassionante e tenace, diventata tale per la storia radicata e complessa alle spalle, che vede protagonista assoluto e incontrastato l’avversario, Ugo Carpinelli. Volevamo comunicare il messaggio giusto, il cambiamento, mantenendo quel messaggio per tutta la durata della campagna, e a creare una partecipazione vera, sentita, mobilitando i concittadini e riportarli a una speranza di una rinascita della citta di Giffoni. Volevamo mettere in risalto Giuliano che ha scelto tra i suoi candidati, persone che rispecchiavano tre criteri fondamentali: competenza, capacità e rappresentanza delle fasce sociali. Non a caso il perno del programma elettorale è rappresentato da salute e sviluppo.

“Se non c’è salute, non c’è lavoro,
se non c’è lavoro, non c’è sviluppo”
cit.Antonio Giuliano


Insieme al gruppo di lavoro, ho limato diversi aspetti, la tendenza del candidato ad essere prolisso, confezionando un messaggio più incisivo. L’ideazione di uno slogan che emoziona, doveva colpire nel segno. “Per il bene di Giffoni”!
Seppure con discrezione, per il successo della campagna, sono stati fondamentali le analisi e reporting dei vari candidati, la capacità nel prevedere attacchi mediatici dalla controparte e dai giornali, ha portato il gruppo elettorale a formulare piani a lungo termine in grado di determinare e gestire in modo proattivo i rischi.

Tra i contenuti condivisi con la popolazione, le registrazioni relative ad ogni discorso pubblico sono state condivise attraverso i canali social; in questo modo, chiunque ha potuto ascoltare e visualizzare tali discorsi, anche chi non è stato fisicamente presente al luogo dell’evento. I social media hanno reso la campagna elettorale di Giuliano una sorta di continuo discorso elettorale, diffuso in piccole parti, giorno per giorno e comunicato alla maggior parte dei suoi concittadini.

Al momento delle votazioni, la pagina personale Facebook di Giuliano aveva raggiunto 4083 amici rispetto al numero esiguo di amici iniziali. Quella di Giuliano nei confronti di Carpinelli è stata davvero una lotta fino all’ultimo voto, vinta per differenti strategie di utilizzo della comunicazione e target, non a caso il cartaceo era rivolto più agli adulti e il web per raccogliere pareri dai più giovani.

“Mi sono divertito perché era una sfida importante, sia personale che per il territorio” cit. Giovanni Sapere

Fiduciosi di essere d’esempio a chi intraprende questo percorso seppure faticoso, ma molto soddisfacente, reso possibile solo da un buon lavoro di squadra. I risultati ottenuti costituiscono un chiaro esempio di come far interagire il pubblico li faccia sentire parte della campagna, per spingerli a sostenere maggiormente il capostipite del proprio partito. Per scoprire come il neuromarketing influenza il marketing politico, scrivici nell’area contatti oppure scrivici sulla nostra pagina Facebook ufficiale.

Leggi i casi di studio


    Aumentare clienti
    e fatturato è possibile.

    Serve una mano?



    Si.